Félicitations ! Ton soutien à bien été envoyé à l’auteur
La Forza del Pardono

La Forza del Pardono

Publié le 8 déc. 2022 Mis à jour le 27 janv. 2023
time 11 min
0
J'adore
0
Solidaire
0
Waouh
thumb 0 commentaire
lecture 14 lectures
0
réaction

Sur Panodyssey, tu peux lire 10 publications par mois sans être connecté. Profite encore de 9 articles à découvrir ce mois-ci.

Pour ne pas être limité, connecte-toi ou créé un compte en cliquant ci-dessous, c’est gratuit ! Se connecter

La Forza del Pardono

Leggere, modificare, commentare, tradurre si chiamano: Studi umanistici, in francese dal XIII secolo

 

Autori di questo articolo: Pénélope Morin & Rajinder Jhol

Con l'avvicinarsi delle festività natalizie, ci prendiamo del tempo per ricaricarci, fare il punto e riflettere sui nostri risultati come individui, come comunità e collettivamente come società umana. Siamo all'alba di una nuova storia della creazione con il cambio della guardia. Siamo sulla cuspide del cambiamento di paradigma e della traiettoria più significativi della nostra esistenza.
 
L'influenza più potente che un atto di perdono può avere sulla vita terrena dell'umanità è l'influenza che ha sulle sfere del Sé, del Sociale e della Società. L'azione decisiva è soprattutto nella sfera sociale tra umani, dove il valore del perdono ci libera dalla rabbia, dall'amarezza e dal risentimento, dalla ricerca della vendetta, dalla punizione, dal biasimo, dalla condanna e dal proseguimento di una spirale discendente negativa che porta al dolore, sofferenza e conflitto. Perdonare non significa dimenticare; al contrario, perdonare ci permette di accettare la lezione, trovare la pace interiore e andare avanti per prendere decisioni migliori e creare relazioni migliori con noi stessi e con gli altri. Il perdono è ringraziamento.
 
A volte dobbiamo lasciar andare per resistere, altre volte dobbiamo resistere per lasciar andare. Viviamo in un mondo in cui ci sono molteplici percezioni di "valori" e ciò che ha valore cambia. Mentre alcuni valori sono mutevoli e contestuali, tutti i popoli e le nazioni sono legati anche da altri valori immutabili: i diritti inalienabili dell'uomo e della donna, i diritti fondamentali e la dignità umana, e le verità superiori, primordiali e universali.
 
Alcuni dicono che non siamo riusciti a ottenere pace e sicurezza per tutti. Altri la vedono come una transizione graduale, più di 70 anni dopo la Dichiarazione dei Diritti Umani, gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio e, più recentemente, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Questi programmi hanno apportato miglioramenti lenti ma incrementali alle vite umane in tutto il mondo.
 
Mentre alcuni hanno potuto vedere la totalità incarnata, altri, specialmente gli emarginati, vedono il crollo di un sistema di valori disfunzionale che non sostiene più i valori comuni di pace e prosperità per tutti.
 
Nella nozione di sostenibilità, la dimensione temporale ha essenzialmente la stessa necessità di essere presa in considerazione.
È importante che la nostra crescita sia sostenibile e rispetti le generazioni future. È anche necessario che le persone costruiscano la sostenibilità attraverso i propri metodi di produzione. Sotto le sembianze del tempo, l'economia raggiunge la sua più alta e degna dimensione morale e politica, lontana dalle ideologie dominanti dell'innovazione, della disgregazione e della distruzione creativa. È tempo di passare a un'era di rigenerazione e metamorfosi dei sistemi produttivi.
 
Le nostre percezioni della realtà sono modellate dal passato e dal futuro che immaginiamo, in un gioco di specchi che influenza sia la vista che l'intuizione. A volte desideriamo fare un passo coraggioso verso il futuro, librarsi verso una nuova visione, ma i grovigli del passato influenzano i nostri sistemi di credenze e limitano la nostra capacità di immaginare maggiori possibilità. A volte ci alterniamo e siamo costretti a schierarci, altre volte ci alterniamo e cambiamo schieramento. Senza la forza del perdono, diventiamo intrinsecamente prigionieri delle nostre stesse impressioni e schemi di credenze.
 
Per quanto riguarda l'attuale conflitto in Ucraina, c'è chi è favorevole alla guerra (aumento dei budget militari) e chi chiede un cessate il fuoco immediato. Una verità, due realtà, tre prospettive e molteplici punti di vista, di paura, sfiducia e prospettive, ci stanno portando sull'orlo di una lunga guerra con il più grande afflusso di profughi dalla seconda guerra mondiale. Sebbene ciascuno possa avere ragione nelle proprie prospettive e sistemi di credenze, non tutte le parti sono state in grado di ascoltarsi a vicenda.
 
Abbiamo adottato sistemi di valori opposti, noi e loro, il che rende difficile guardarci negli occhi e vederci come una versione estesa di noi stessi e l'unità dell'umanità. Il conflitto delle regioni è anche un conflitto di lingue, identità culturali, coesione socio-economica e comprensione reciproca, ma soprattutto un conflitto di ponti spezzati e muri alti per separare, isolare e dominare.
 
Nel discorso di apertura del Congresso per la pace pronunciato dall'Eminente Victor Hugo nel 1849, chiese la costituzione degli "Stati Uniti d'Europa". Il raggiungimento di una "Europa unita nella pienezza di una coppia" non sarà distrutto dall'esterno, ma piuttosto dalle carenze interne e dai fallimenti della costruzione delle difese della pace nelle menti di tutti gli uomini e le donne europei, indipendentemente dalla lingua, culture e sistemi di credenze.
 
Una cultura creativa e fluida è il baluardo e il vero tessuto sociale di un'Europa unita che può risplendere e "risplendere come il cerchio stellato della sua bandiera" per tutte le nazioni e tutti i popoli del mondo.
Come Victor Hugo, molti artisti creativi, musicisti, registi e opinion leader che hanno contribuito a plasmare il sogno di ieri, che sono i nostri successi e risultati visibili. La poesia Inno alla gioia* esprime la visione di Schiller del genere umano che diventa fratello, una visione condivisa da Beethoven. Nel 1972, il Consiglio d'Europa ha adottato l'Inno alla gioia come inno dell'Unione europea per celebrare l'unità al di là delle divisioni nazionali, culturali e storiche.
 
Quindi non dimentichiamo mai l'importanza della libertà di parole, libertà di pensiero, libertà di espressione e creazione, per celebrare la capacità dei creatori di stare sulle spalle dei giganti per vedere oltre l'orizzonte.
In passato abbiamo avuto organizzazioni che offrivano rifugio a scrittori minacciati o costretti all'esilio per motivi politici o ideologici - il Parlamento Internazionale degli Scrittori è stato sciolto nel 2004. Al suo posto è stata fondata la Rete Internazionale delle Città d'Asile (INCA), con sede ad Aubervilliers, Francia, ed è stata sciolta nel 2005.
 
Oggi, più che mai, abbiamo bisogno di coinvolgere nuovamente le persone creative per aiutarci a mettere in discussione e immaginare i percorsi per un futuro inclusivo e sostenibile che si prenda cura dei suoi abitanti e del suo ambiente. Dobbiamo riaccendere il raggio di speranza per le generazioni future, promuovere e proteggere le industrie creative. Vogliamo abbracciare strumenti innovativi di apprendimento e collaborazione in modo da disporre degli strumenti creativi necessari per creare soluzioni per anticipare i colli di bottiglia che potrebbero ostacolare il libero flusso della creatività.
 
Il potere della scrittura e della creazione ci aiuta a chiarire il nostro pensiero, ci permette di articolare e spiegarci agli altri, e ci permette di lavorare insieme per costruire cose che non potremmo fare da soli, soprattutto al di là, di nazioni, lingue e culture - Insieme dobbiamo sforzarci di conquistare la pace e la prosperità per tutti e raggiungere nuovamente il benessere collettivo e il perdono per realizzare il sogno collettivo.
 
Gran parte del nostro successo è determinato da come utilizziamo le risorse disponibili, da come sviluppiamo l'economia della conoscenza e da come cerchiamo la bellezza e il potenziale creativo per guidare l'innovazione basata sulle nostre numerose culture, lingue e diversità.
 

Perché l'atto del perdono è così cruciale oggi ?

Le qualità del vero perdono possono assumere particolare intensità nell'ambito sociale, purificando tutta la vita dell'organizzazione sociale e infondendo nuova forza.
 

“L'Europa unita si incarna nella pienezza di una coppia. Il suo volume esprime un cuore unico, il suo abbraccio gira e si irradia come il cerchio stellato della sua bandiera”

 
 

Scultura in bronzo "L'Europa nel cuore" 1991 

Creata da Ludmila Tcherina (1924-2004) - Parlamento di Strasburgo Francia

Foto di Penelope Morin - 2019

Deve essere proibita ogni forma di violenza - interna o esterna - diretta contro un altro individuo, un gruppo o anche un'organizzazione, nonché contro le sue colpe, i suoi errori e soprattutto il male e le menzogne ​​che ne derivano.
 
Tutto questo deve essere bilanciato da un forte desiderio di bontà e di verità, centrato nel riparare quanto più possibile ciò che è stato fatto. Ci sono molte occasioni nella vita in cui è necessario respingere con coraggio e fermezza i torti e gli abusi percepiti all'esterno, mantenendo il perdono come atto e pratica interiori.
 
Solo quando sono soddisfatte le tre condizioni primarie del perdono ci si può avvicinare al valore del perdono e della grazia: vittoria su se stessi, nella quale si superano tutti gli impulsi e le tendenze egoistiche; altruismo; e dedizione all'amore del mondo al servizio dell'umanità e della vita.
Dobbiamo utilizzare al meglio tutti gli strumenti per comunicare, condividere e creare consenso.
Il valore del perdono implica necessariamente la presenza della triplice prova dell'oblio e del ricordo, del superamento e della riconciliazione.
Ogni anno le lingue scompaiono e vengono dimenticate e si perde parte della ricchezza dell'umanità. Dobbiamo rafforzare la cooperazione per proteggere e preservare la diversità delle lingue e delle culture. Rispettare e rivitalizzare le lingue è essenziale per garantire la sostenibilità e la trasmissione della diversità, della cultura, dei costumi e della storia.
 

L'Europa non ha ancora sfruttato appieno il suo potenziale come ponte e come costruttore di ponti.

Il 21° secolo rivela una nuova rete di legami e relazioni culturali, politici, economici e demografici tra Cina, India, Europa, Russia, America Latina, mondo arabo, Africa e Nord America.
 
Le leggi del mercato hanno creato spazi di reti sociali che consentono libertà di espressione, cooperazione costruttiva e libero accesso a contenuti scientifici e creativi. Eppure c'è ancora molta strada da fare per creare spazi sicuri e inclusivi per tutti e promuovere il libero flusso di informazioni attraverso tutte le divisioni.
 
Il multilinguismo è essenziale nel processo di "promozione" della comunicazione e della cooperazione attraverso tutte le frontiere. La tutela e la promozione della diversità delle lingue, delle culture e dei modi di pensare sono gli elementi costitutivi e il mezzo per costruire i pezzi del puzzle della convivenza dell'umanità.
 
Artisti, scrittori e media interpretano il mondo per noi. Sono in grado di costruire nuove realtà sociali e ispirare l'Azione.
La portata e il ruolo dei creativi nei mass media e nei social media è enorme. Artisti, scrittori, registi, artisti visivi e registi possono rispondere direttamente a qualsiasi problema sociale. Gli artisti creano nuove realtà ESSENDO, sognando, pensando e facendo. La loro capacità di impostare il tono e influenzare le conversazioni a livello globale e nazionale non ha eguali e impareggiabili. Sono leader a pieno titolo e, allo stesso tempo, sostengono la leadership emergente basata sui valori a diversi livelli della società.
 
I valori universali di dignità, equità e compassione sono essenziali affinché ogni essere umano raggiunga il suo pieno potenziale.
I professionisti dei media, così come i leader politici e imprenditoriali, devono fare un uso responsabile della loro capacità di influenzare e plasmare la mentalità delle persone e la traiettoria del futuro dell'umanità e del nostro pianeta.
 
Dobbiamo unirci e cooperare come una costellazione.
L'Oxford English Dictionary definisce una costellazione come "un gruppo di stelle che formano uno schema riconoscibile che prende tradizionalmente il nome dalla sua forma apparente o identificato con una figura mitologica" e come "un gruppo di persone o cose associate o simili". Per noi le costellazioni sono entità di persone che si connettono, si organizzano e funzionano in modo particolare e riconoscibile, sulla base di valori universali dei diritti umani, dignità, equità e compassione. Insieme, creiamo sistemi equi e sostenibili rispettando le norme culturali e reagendo in modo proattivo per risolvere i problemi che dobbiamo affrontare.
 
Non perdoniamo qualcosa, perdoniamo qualcuno. Perdonare significa considerare l'individuo come un essere intero, concedergli il rispetto e il riconoscimento che merita.
 

Vi ringraziamo per il vostro sostegno e la vostra partecipazione a questa avventura accelerata volta a liberare le potenzialità creative e trasmutative dell'Europa attraverso le sue lingue, il suo mosaico di culture e le sue creazioni come un continente che sa preservare, sviluppare e comunicare la sua conoscenza nella società per preservare e rigenerare le nostre umanità.

 
 
 
 

Rajinder Jhol
è un autore nato in Singapore che vive nelle Alpi svizzere. Ha lavorato per due decenni nel campo dello sviluppo della tecnologia digitale, della diplomazia, della mediazione e della costruzione della democrazia negli Stati fragili. È stato consulente dell'UNESCO per le società della conoscenza e docente alla Scuola di diplomazia di Ginevra. È relatore presso l'Istituto dell'Aia per la responsabilità nell'era digitale. Rajinder fornisce consulenza strategica alle organizzazioni del settore pubblico e privato, nonché leadership spirituale e coaching per gli individui. I suoi progetti attuali si concentrano su neuroscienze, governance, psicotecnologia, AI/VR, Web3.0, spiritualità e arti. Rajinder sta scrivendo il sequel di Shine per il rilascio pubblico nel 2023/4.

"Shine è l'ultimo lavoro dall'interno: esplorare il viaggio proibito dall'oscurità alla luce, la natura del Sé e oltre"

Una recente pubblicazione di Rajinder Jhol:
"Shine di Rajinder Jhol" è un romanzo di dialogo tra l'angelo caduto e l'uomo caduto. Si incontrano per esplorare la natura della realtà, la verità e la crisi multilivello dell'umanità alla ricerca di una luminosa via d'uscita.
 
Shine esplora le radici delle paure, dell'ignoranza, della manipolazione e della disinformazione in diversi aspetti della società contemporanea. Come il diavolo afferma di aver catturato le menti e i cuori del 99% di tutta l'umanità.
 
La ricerca della verità e della conoscenza da parte dell'interrogante e il suo viaggio mistico ci portano in un dialogo epico, filosofico, spirituale e talvolta umoristico che cerca una conoscenza superiore negli angoli oscuri della percezione come un faro di speranza per tutta l'umanità.
 
La realtà è un'allucinazione condivisa, un gioco di luci e ombre o un gioco di specchi? Gli umani hanno davvero il libero arbitrio e cosa ne sarà di noi quando la tecnologia di controllo sarà collegata al nostro cervello?
 
La storia è un enteogeno letterario: fornisce al lettore una posizione di super osservatore da cui conoscere se stessi e scoprire il tesoro perduto che risiede dentro tutti noi.

Shine di Rajinder JHOL : https://amzn.eu/d/8jzby9H

 
Una recente pubblicazione di Penelope Morin:
Vers la société du sens: In questo saggio storico, Penelope Morin e Alexandre Rojey invocano il raggiungimento della maggiore età verso una società significativa con un rinnovato interesse per i valori condivisi e il bene comune. Il saggio esplora le varie dimensioni per incoraggiare una trasformazione radicale sentendosi al di là delle idee dogmatiche e preconcette per consentire l'emergere di nuove vie alle sfide collettive che la società occidentale deve affrontare.

https://jdheditions.fr/produit/vers-la-societe-du-sens/

Penelope Morin
Prospective & Regulatory Watch, Consulting, Strategies & Managerial Innovations 5.0: Sensibilizzazione, consulenza, coaching, conferenze e formazione per dirigenti, decisori, family office e consigli di amministrazione nell'ambito dell'attuazione di programmi di risveglio alla Trasparenza, Etica e Resilienza nelle Organizzazioni Istituzionali e associative, liberali, pubbliche e privato per la valorizzazione della lungimiranza, dell'umanesimo e dell'anticipazione per il Governo delle strutture imprenditoriali da parte delle scienze cognitive e partecipative.

COO @Wassati

Per scoprire le opere dell'autore: https://www.fnac.com/ia10139855/Penelope-Morin

 

 

* Inno alla gioia

 
O amici, non questi suoni!
ma intoniamone altri
più piacevoli e più gioiosi.
Gioia! Gioia!
Gioia, bella scintilla divina,
figlia dell’Elisio,
noi ci accostiamo ebbri d’ardore,
o Divina, al tuo sacrario.
I tuoi incanti tornano a unire
ciò che gli usi rigidamente divisero;
tutti gli uomini diventano fratelli,
dove posa la tua ala soave.
L’uomo che ha ottenuto dalla sorte
di essere amico a un amico,
chi conquistò una donna leggiadra,
esulti con noi!
Sì, chi anche una sola anima
possa dir sua sul globo terrestre!
Chi invece non lo poté mai, lasci
furtivo e piangente questa confraternita!
Tutti gli esseri bevono gioia
ai seni della natura;
tutti i buoni, tutti i malvagi
vanno per il suo sentiero di rose.
Ci diede l’amore e il vino,
ci diede un amico di provata fedeltà;
La voluttà fu concessa al verme,
e il cherubino sta davanti a Dio.
Lieti, come i suoi astri volano
attraverso lo splendore della volta celeste,
percorrete, fratelli, la vostra strada,
gioiosi, come un eroe verso la vittoria.
Abbracciatevi, moltitudini!
Questo bacio al mondo intero!
Fratelli, sopra la volta stellata
deve certo abitare un padre amorevole.
Cadete in ginocchio, moltitudini?
Intuisci il tuo creatore, mondo?
Cercalo sopra la volta stellata!
Sopra le stelle deve abitare.
 
(Friedrich Schiller 1908)
 
 

 

 

 

 

 

lecture 14 lectures
thumb 0 commentaire
0
réaction
Partager la publication
copylink copylink

Commentaire (0)

Tu peux soutenir les auteurs indépendants qui te tiennent à coeur en leur faisant un don

Prolonger le voyage dans l'univers Culture
Ki hízik a fegyvereken?
Ki hízik a fegyvereken?

      (Egy – a miénktől talán nem is oly sokban eltérő – párhuza...

Tia-Sziara Álmos Bogát
9 min
La chauffeuse de bus
La chauffeuse de bus

Conductrice de jour Conductrice de nuit Sa vie est une route sans fin Qui la complaît...

Arthur Mede
1 min

donate Tu peux soutenir les auteurs qui te tiennent à coeur